Mors tua vita mea – Italia

Silvia Zoffoli

Al Duse

dal 14 giugno al 24 giugno

Interpreti

Valeria Angelozzi
Matteo Cremon
Valentina Favella
Matteo Palazzo

Il testo propone un tema profondo e viscerale, di cui offre uno squarcio senza filtri: i trentenni, italiani, alla ricerca di sé,  di una strada da percorrere. Parla della ricerca disperata e quotidiana della propria identità, malcelata da cattive abitudini e, a volte, nemmeno così consapevole, che si trascina nella tendenza a provocare gli altri. Per ritrovarsi, bisogna compromettere l’equilibrio instabile dei finti rapporti, e sacrificare chi non ci accetta nel nostro cambiamento. Questa pièce parla  del tentativo di costruire qualcosa insieme (rapporto di coppia?),  senza sapere bene come fare. Ognuno dei quattro piccoli eroi di questo testo ci sta provando, a modo suo, a cercarsi, a scegliersi.

Dopo un percorso fra cinema e teatro, da attrice a regista, passando per una laurea in Dams, Silvia Zoffoli nel 2009 comincia a mettere in scena suoi testi teatrali originali. Debutta con Hannah e Mary, un’amicizia ordinaria fra due donne straordinarie che, nel 2010, viene scelto dal Teatro Quirino di Roma per la rassegna “Autogestito”; mentre con Amalia e basta, che ha ottenuto numerosi riconoscimenti, ha girato diversi teatri italiani e nel 2014 ha vinto il bando nazionale “Offerta Creativa”. Nel 2015 ha firmato la regia di Madri come Dio vuole in scena alla Triennale di Milano per “Il Tempo delle Donne”.

Rappresentazioni serali ore 20.30, giovedì ore 19.30, domenica e lunedì riposo.

GALLERIA FOTOGRAFICA