Rassegna di Drammaturgia Contemporanea

Un teatro vivo deve essere capace di osservare ed interrogare il presente oltre che con lo sguardo atemporale ed illuminato dei grandi classici, anche attraverso il linguaggio, il vissuto e la capacità d’indagine di autori internazionali contemporanei. Per questo motivo, il Teatro Stabile di Genova produce da 22 anni la Rassegna di Drammaturgia Contemporanea, un appuntamento ormai immancabile alla fine della Stagione, in cui vengono proposti testi teatrali (spesso mai rappresentati in Italia) scritti da una nuova generazione di drammaturghi. L’intento è quello di proporre ad un pubblico, sempre numeroso ed eterogeneo, nuove suggestioni e nuove tendenze nazionali ed internazionali, in fatto di scrittura per la scena.

Programma 2017:
Piccola Corte 24 maggio – 3 giugno L’arbitro di Dio di Robert Farquhar (Irlanda)
Teatro Duse 31 maggio – 10 giugno Lingua Madre Mameloschn di Sasha Marianna Salzmann (Germania)
Piccola Corte 7 giugno 17 giugno Pezzo di plastica di Marius von Mayenburg (Germania)
Teatro Duse 14 giugno – 24 giugno Mors tua vita mea di Silvia Zoffoli (Italia)
Piccola Corte 21 giugno – 1 luglio Sangue matto di Nurkan Erpulat e Jens Hillje (Germania)

Dal 1996 a oggi, la Rassegna di Drammaturgia Contemporanea ha già sperimentato settantré nuovi testi, alcuni dei quali sono poi diventati anche dei veri e propri spettacoli di produzione: La bella regina di Leenane, Der Totmacher, Mojo Mickybo, Galois, Eden, Holy Day, Polvere alla polvere, Controtempo, Nordost, Sempre insieme.

NUOVA DRAMMATURGIA IN RASSEGNA DAL 1996 AL 2016

pointgrey 1996 Weisman e Pellerossa di George Tabori (Germania) – Crepuscolo sulle Alpi di Peter Turrini (Austria) – Tatuaggio di Dea Loher (Germania) – Il Signor Paul di Tankred Dorst (Germania)

pointgrey 1997 La bella regina di Leenane di Martin McDonagh (Irlanda) – Soliman di Ludwig Fels (Germania) – Le conspose di Fatima Gallaire (Francia)

pointgrey 1998 Top Dogs di Urs Widmer (Svizzera) – L’inverno sotto il tavolo di Roland Topor (Francia) – La principessa Ranocchio di Kerstin Specht (Germania)

pointgrey 1999 Nella pianura normanna c’è un grande libro di Alessandro Spanghero (Italia) – Qui si vive ancora di Véronique Olmi (Francia) – Faccia di fuoco di Marius von Mayenburg (Germania)

pointgrey 2000 Bintou di Koffi Kwahulé (Francia) – Der Totmacher di Romuald Karmakar e Michael Farin (Germania) – Dublin Carol di Conor McPherson (Irlanda)

pointgrey 2001 Death Valley Junction di Albert Ostermaier (Germania) – Pit-Bull di Lionel Spycher (Francia) – Bartleby, lo scrivano di Tonino Bozzi (Italia)

pointgrey 2002 Mojo Mickybo di Owen McCafferty (Irlanda del Nord) – Galois di Luca Viganò (Italia) – La notte araba di Roland Schimmelpfennig (Germania)

pointgrey 2003 Una stazione di servizio di Gildas Bourdet (Francia) – Coltelli nelle galline di David Harrower (Scozia) – Uccelli assetati di Kristo Sagor (Germania)

pointgrey 2004 Strade / Corridoi di Sonia Arienta (Italia) – La riga nei capelli di William Holden di José Sanchis Sinisterra (Spagna) – Eden di Eugene O’Brien (Irlanda)

pointgrey 2005 La Chunga di Mario Vargas Llosa (Perù) – La donna e il colonnello di Emmanuel Dongala (Congo) – Holy Day di Andrew Bovell (Australia)

pointgrey 2006 Di eroi, di spie e altri fantasmi di Carlo Orlando e Nicola Pannelli (Italia) – Polvere alla polvere di Robert Farquhar (Irlanda) – Un posto luminoso chiamato giorno di Tony Kushner (Usa)

pointgrey 2007 Rum di Carlo Besozzi e Flavio Parenti (Italia) – Qualcuno arriverà di Jon Fosse (Norvegia) – Terrorismo di Oleg e Vladimir Presnjakov (Russia)

pointgrey 2008 Ingannati da Ghassan Kanafani (Italia) – Daewoo di François Bon (Francia) – Tre stelle sopra il baldacchino di Michael Zochow (Germania) – Il buio di giorno di Henning Mankell (Svezia) – Mojo Atlantic Club di Jez Butterworth (Gran Bretagna)

pointgrey 2009 La guerra di Klamm di Kai Hensel (Germania) – Coronado di Dennis Lehane (Stati Uniti) – Officina mia di Marco Taddei (Italia) – Il ragazzo dell’ultimo banco di Juan Mayorga (Spagna) – Controtempo di Christian Simeon (Francia)

pointgrey 2010 Le diable en partage di Fabrice Melquiot (Francia) – Corto circuito di Piero Olivieri (Italia) – Nordost di Torsten Buchsteiner (Germania)

pointgrey 2011 Sempre insieme di Anca Visdei (Romania) – Persone predilette di Laura de Weck (Svizzera) – Motor Town di Simon Stephens (Gran Bretagna)

pointgrey 2012 Benedictus di Motti Lerner (Israele) – La huelga de las escobas di Roxana Aramburu, Patricia Suárez, Mónica Ogando (Argentina) – Offices di Ethan Coen (Stati Uniti)

pointgrey 2013 Fratelli di sangue di Axel Hellstenius (Norvegia) – A Zvornik ho lasciato il mio cuore di Abdullah Sidran (Bosnia) – La lotta nella stalla di Mauricio Rosencof (Uruguay)

pointgrey 2014 Detto Gospodin di Philip Lohle (Germania) – Vera, Vera, Vera di Hayley Squires (Gran Bretagna) – Una coppia di poveri romeni che parlano polacco di Dorotha Masłowska (Polonia)

pointgrey 2015 Due di Jim Cartwright (Gran Bretagna) – Il canto della valle di Athol Fugard (Repubblica Sudafricana) – Codici cifrati di Dawn King (Gran Bretagna) – Sangue amaro di Mariagrazia Pompei e Valerio Marini (Italia) – Apatia per principianti di Jonas-Hassen Khemiri (Svezia)

pointgrey 2016 Quietly di Owen McCafferty (Irlanda del Nord) – Geppetto e Geppetto di Tindaro Granata (Italia) – Foxfinder di Dawn King (Gran Bretagna) – Il tempo di Planck di Sergi Belbel (Spagna) – Noi non siamo barbari! di Philipp Löhle (Germania)